Le linee guida per l’alternanza scuola-lavoro del liceo marconi (ptof)

La legge 107/2015 stabilisce un monte ore obbligatorio di 200 ore nell’arco del triennio a partire dalle classi terze. Pertanto “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti” l’alternanza scuola-lavoro è considerata a tutti gli effetti parte del curricolo scolastico e componente strutturale della formazione

Le finalità dell’alternanza scuola-lavoro sono le seguenti:

  1. Attuare modalità di apprendimento flessibili e equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo, rispetto agli esiti dei percorsi del secondo ciclo, che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica;
  2. arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolatici e formativi con l’acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
  3. favorire l’orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali ;
  4. realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e la società civile, che consenta la partecipazione attiva dei soggetti nei processi formatici
  5. correlare l’offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

Destinatari: Per l’anno scolastico 2017/18 le classi III coinvolte nei percorsi di alternanza sono complessivamente 19 di cui 6 di Liceo scientifico, 4 di Liceo delle scienze applicate, 9 di Liceo linguistico; le classi IV coinvolte nei percorsi di alternanza scuola-lavoro sono complessivamente 15, di cui 4 III di Liceo Scientifico, 2 III di Liceo delle Scienze applicate, 9 III di Liceo Linguistico;  le classi V coinvolte sono complessivamente 14 di cui 5 liceo scientifico, 2 liceo delle scienze applicate, 7 di liceo linguistico.

Tempi e metodi di progettazione: I percorsi sono attivati durante l’arco del secondo biennio prevedendo di svolgere l’intero monte ore entro l’inizio del V anno. L’inserimento degli studenti nei contesti operativi è organizzato in parte nell’orario annuale dei piani di studio in parte nei periodi di sospensione delle attività didattiche. I percorsi attuati durante l’orario dei piani di studio sono pensati per gruppi classe o gruppi di scopo, mentre nei periodi di sospensione delle attività didattiche si predilige il percorso per gruppo di scopo e individuale.

Scansione annuale: ogni anno si possono prevedere di norma fino a 30 ore di preparazione, 60 ore di stage, 10 ore di restituzione (100 ore annue circa).

Validità del percorso:Gli studenti devono svolgere almeno i 3/4 (150 ore) dell’intero monte ore previsto per l’alternanza (200 ore)

Tipologie di percorsi: Le indicazioni fornite alle scuole attraverso la Guida operativa del MIUR suggeriscono di evitare di applicare nei progetti di alternanza modelli standardizzati, concepiti per percorsi identici per tutti, bensì di adeguare i progetti alle esigenze specifiche degli studenti, che spesso esprimono bisogni formativi differenziati. Ciò è particolarmente rilevante nel caso delle esperienze interculturali collegate alla frequenza del Conservatorio, di periodi didattici in altri Paesi o ad attività sportive agonistiche che richiedono un impegno particolarmente oneroso. 

Tipologia di progettazione per ciascun studente: Data l’ampia diversificazione degli indirizzi del Liceo Marconi e la ricchezza della progettualità del PTOF di istituto, l’Alternanza scuola lavoro per ciascuno studente non potrà che essere formulata nel rispetto del principio della pluralità degli approcci e delle esperienze per garantire ad ogni studenti il rafforzamento di una vasta gamma di competenze di indirizzo, professionali e trasversali.

L’articolazione del percorso di Alternanza: prevede 4 fasi

  1. Fase di co-progettazione: Il liceo Marconi e gli enti e le imprese stipulano accordi di partenariato siglati da convenzioni. Le imprese rispondono ai criteri previsti dalla Legge 107/2015 : imprese strategiche per il territorio, camere di commercio e industria, enti pubblici e privati, compresi quelli del terzo settore, ordini professionali, musei ed istituti pubblici e privati operanti nel settore artistico e culturale, enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale, enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI. I percorsi di alternanza sono progettati per indirizzo di studi (scientifico, linguistico, scienze applicate) con l’individuazione delle competenze, abilità e conoscenze in esito al percorso in accordo con i Dipartimenti ed in collaborazione con i consigli di classe e con i tutor interni ed esterni individuati dall’Istituto e dall’impresa. Nel progetto di alternanza sono indicate altresì le attività previste, le fasi e i risultati attesti, la struttura organizzativa e le modalità congiunte di accertamento delle competenze.
  2. Fase di preparazione in aula : La fase di preparazione prevede l’organizzazione di incontri di orientamento e preparazione alla fase di tirocinio in impresa con esperti del mondo del lavoro e del settore di riferimento. Gli incontri sono finalizzati ad illustrare i diritti e i doveri del tirocinante, l’organizzazione dell’azienda, il rapporto tra attività curricolari e attività pratiche. La fase di preparazione per le classi III è a cura della prof. Rita Sabino docente di diritto/economia e comprende 12 ore per tutte le III di diritto e 12 ore per tutte le IV di economia. Il Liceo fornisce a tutti gli studenti la formazione generale sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui agli art. 36 e 37 del Decreto legislativo 81/2008 di n. 16 ore, erogata online sulla piattaforma AMBROSTUDIO. I ragazzi tra la classe VI e V acquisiscono anche l’attestato di Primo soccorso.
  3. Fase di tirocinio in impresa: In base al progetto formativo e coerentemente con le competenze, abilità e conoscenze da acquisire lo studente è inserito nell’impresa ospitante per svolgere le attività previste. L’attività di tirocinio deve essere documentata al termine del tirocinio, anche tramite l’uso delle ICT, e condivisa e rielaborata in aula.
  4. Fase di valutazione: Negli scrutini intermedi e finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno scolastico à necessario prevedere le ricadute curricolari dell’alternanza individuando le discipline che integrano la valutazione dei percorsi di tirocinio.

Nel file allegato è riportato l'organigramma relativo all'Alternanza Scuola-Lavoro.

Top