Bilancio alternanza scuola-lavoro 2016-17

Nel Collegio docenti dell'11 maggio 2017 le docenti referenti (Prof. Chiara Palù e Prof. Maria Grazia Ziliotti) hanno presentato il consuntivo dell'attività di alternanza scuola-lavoro per l'anno scolastico 2016/2017.

Seguire questo collegamento per tutti i dettagli.

Le linee guida per l’alternanza scuola-lavoro del liceo marconi (ptof)

La legge 107/2015 stabilisce un monte ore obbligatorio di 200 ore nell’arco del triennio a partire dalle classi terze. Pertanto “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti” l’alternanza scuola-lavoro è considerata a tutti gli effetti parte del curricolo scolastico e componente strutturale della formazione.

Le finalità dell’alternanza scuola-lavoro sono le seguenti:

  1. Attuare modalità di apprendimento flessibili e equivalenti sotto il profilo culturale ed educativo, rispetto agli esiti dei percorsi del secondo ciclo, che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l’esperienza pratica;
  2. arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolatici e formativi con l’acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
  3. favorire l’orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali;
  4. realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e la società civile, che consenta la partecipazione attiva dei soggetti nei processi formatici
  5. correlare l’offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio.

Destinatari: Per l’anno scolastico 2016/17 le classi III coinvolte nei percorsi di alternanza scuola-lavoro sono complessivamente 15, di cui 4 III di Liceo Scientifico, 2 III di Liceo delle Scienze applicate, 9 III di Liceo Linguistico; le classi IV coinvolte sono complessivamente 14 di cui 5 liceo scientifico, 2 liceo delle scienze applicate, 7 di liceo linguistico.

Tempi e metodi di progettazione: I percorsi sono attivati durante l’arco del secondo biennio prevedendo di svolgere l’intero monte ore entro l’inizio del V anno. L’inserimento degli studenti nei contesti operativi è organizzato in parte nell’orario annuale dei piani di studio in parte nei periodi di sospensione delle attività didattiche. I percorsi attuati durante l’orario dei piani di studio sono pensati per gruppi classe o gruppi di scopo, mentre nei periodi di sospensione delle attività didattiche si predilige il percorso per gruppo di scopo e individuale.

Scansione annuale: ogni anno si possono prevedere di norma 20 ore di preparazione, 70 ore di stage, 10 ore di restituzione (100 ore annue circa).

Validità del percorso: Gli studenti devono svolgere almeno i 3/4 (150 ore) dell’intero monte ore previsto per l’alternanza (200 ore)

Tipologie di percorsi: Le indicazioni fornite alle scuole attraverso la Guida operativa del MIUR suggeriscono di evitare di applicare nei progetti di alternanza modelli standardizzati, concepiti per percorsi identici per tutti, bensì di adeguare i progetti alle esigenze specifiche degli studenti, che spesso esprimono bisogni formativi differenziati. Ciò è particolarmente rilevante nel caso delle esperienze interculturali collegate alla frequenza del Conservatorio, di periodi didattici in altri Paesi o ad attività sportive agonistiche che richiedono un impegno particolarmente oneroso.

Tipologia di progettazione per ciascun studente: Data l’ampia diversificazione degli indirizzi del Liceo Marconi e la ricchezza della progettualità del PTOF di istituto, l’Alternanza scuola lavoro per ciascuno studente non potrà che essere formulata nel rispetto del principio della pluralità degli approcci e delle esperienze per garantire ad ogni studenti il rafforzamento di una vasta gamma di competenze di indirizzo, professionali e trasversali.

L’articolazione del percorso di Alternanza: prevede 4 fasi

  1. Fase di co-progettazione: Il liceo Marconi e gli enti e le imprese stipulano accordi di partenariato siglati da convenzioni. Le imprese rispondono ai criteri previsti dalla Legge 107/2015 : imprese strategiche per il territorio, camere di commercio e industria, enti pubblici e privati, compresi quelli del terzo settore, ordini professionali, musei ed istituti pubblici e privati operanti nel settore artistico e culturale, enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale, enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI. I percorsi di alternanza sono progettati per indirizzo di studi (scientifico, linguistico, scienze applicate) con l’individuazione delle competenze, abilità e conoscenze in esito al percorso in accordo con i Dipartimenti ed in collaborazione con i consigli di classe e con i tutor interni ed esterni individuati dall’Istituto e dall’impresa. Nel progetto di alternanza sono indicate altresì le attività previste, le fasi e i risultati attesti, la struttura organizzativa e le modalità congiunte di accertamento delle competenze.
  2. Fase di preparazione in aula: La fase di preparazione prevede l’organizzazione di incontri di orientamento e preparazione alla fase di tirocinio in impresa con esperti del mondo del lavoro e del settore di riferimento. Gli incontri sono finalizzati ad illustrare i diritti e i doveri del tirocinante, l’organizzazione dell’azienda, il rapporto tra attività curricolari e attività pratiche. La fase di preparazione per le classi III è a cura della prof. Mariagrazia Ziliotti docente di diritto/economia e comprende 15 ore per tutte le III. Il Liceo fornisce a tutti gli studenti la formazione generale sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui agli art. 36 e 37 del Decreto legislativo 81/2008 di n. 4 ore, erogata online sulla piattaforma UNIMORE.
  3. Fase di tirocinio in impresa: In base al progetto formativo e coerentemente con le competenze, abilità e conoscenze da acquisire lo studente è inserito nell’impresa ospitante per svolgere le attività previste. L’attività di tirocinio deve essere documentata al termine del tirocinio, anche tramite l’uso delle ICT, e condivisa e rielaborata in aula.  
  4. Fase di valutazione: Negli scrutini intermedi e finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno scolastico à necessario prevedere le ricadute curricolari dell’alternanza individuando le discipline che integrano la valutazione dei percorsi di tirocinio. Le proposte di voto dei docenti del Consiglio di classe pertanto tengono esplicitamente conto degli esiti valutati e certificati dal tutor esterno. L’alternanza influisce anche sul voto di condotta.

Nel file allegato è riportato l'organigramma relativo all'Alternanza Scuola-Lavoro.

Allegati:
Scarica questo file (organigramma-asl.pdf)organigramma-asl.pdf370 kB
Top
Questo sito web utilizza cookie di tecnici propri e cookie a soli fini di analisi statistica. Se vuoi saperne ancora leggi il testo esteso oppure dai il consenso al loro utilizzo. More details…